il fasciatoio

fasciatoio da lettino
Io ci sono quasi cascato, ma penso che molti novelli genitori nel valutare quali siano le cose assolutamente necessaria tendano a scartare il fasciatoio.

Siamo portati a pensare nella nostra ingenuità di ‘prima volta genitori’ che per cambiare body e pannolini vada bene uno spazio qualsiasi. Sul lettone, sul divano, sulla poltrona o addirittura direttamente sul tavolo, basta un asciugamano sotto.

Per fortuna i nonni, gli zii, qualsiasi persona che ci è già passato ci può consigliare la necessità di un fasciatoio per il cambio del pannolino .

Prima di tutto si sottovalutano il numero di cambi del pannolino nella giornata. Alla fine il fasciatoio è utilizzato di continuo e per molti minuti ogni volta, anche quando letto e divano sono occupati . 

Poi si sottovaluta la funzione e la forma del fasciatoio. Si pensa che qualsiasi superficie piana e sufficientemente morbida vada bene per sdraiare il neonato. Invece lo spazio deve essere a misura di bambino e delimitato da opportune spallette in modo per quando il bambino (presto e all’improvviso) si muoverà  non rischi di cadere.

Il fasciatoio è prima di tutto un luogo dedicato, sempre pronto ad accogliere il bambino in qualsiasi momento, senza dover spicciare e fare posto con il bimbo in braccio ed il pannolino pieno ed al limite della tenuta, e con tutto il necessario a portata di mano, senza ogni volta dover trasferire pannolini, salviette e borotalco all’improvvisato punto di appoggio.




Il fasciatoio del primogenito è stato un bellissimo mobile Foppapedretti (un regalo gradito): 2 cassetti e vaschetta per il bagnetto nascosta sotto il fasciatoio a chiudere il mobile. Bello, robusto e pratico ma alla fine troppo ingombrante.  Un mobile vero e proprio e quando il maschietto è cresciuto è diventato un mobile della sua stanza e che adesso non abbiamo potuto togliergli.

Questa volta abiamo quindi scelto un fasciatoio più pratico, in plastica, leggero che adesso lasciamo poggiato su un tavolo ma che presto prenderà il suo posto sopra il lettino. Si tratta infatti di un particolare fasciatoio di OkBaby che sfrutta il lettino del bimbo come piano di appoggio. In questo modo il fasciatoio sarà alla giusta altezza per il cambio e non occuperà altro spazio in casa.

Acquistato via internet, come quasi tutto il nostro armamentario da neonato, una volta tolto dalla sua scatola sembrava enorme. In realta non ci ricordavamo più di quanto sia grande un bimbo di un mese e la Nostra che veleggia per i 5 chili lo occupa già quasi tutto.  E’ leggero, ha un’ampia base di appoggio per cui risulta stabile sul tavolo (poi vedremo sul lettino che ancora non è montato) ed è corredato da un piccolo materassino impermeabile.

scomparti fasciatoio

Degli scomparti laterali su ambo i lati accolgono tutto il necessario per il cambio del pannolino e per il dopo bagnetto. In questo modo tutto resta a portata di mano e non c’è bisogno di cercare o girarsi per prendere le cose necessarie.

fare attenzione a non lasciare il bambino sul fasciatoio

 Infatti anche se il fasciatoio è dotato di spallette per impedire al bambino di rotolare fuori è bene non perderlo mai di vista ed sostare sempre davanti al fasciatoio.

 Anche un adesivo molto esplicativo invita a non togliere gli occhi di dosso al bambino. La rapidità dei progressi di un neonato è incredibile e anche se il giorno prima non sembra in grado di andare da nessuna parte, il giorno seguente rotola e sfugge con rapidità sorprendente e potrebbe facilmente rotolare fuori e cadere.

Queste avvertenze valgono tantopiù se non si usa il fasciatoio. La possibilità che cada dal letto o dal divano è più facile di quanto sembri.



bagnetto_300x250.jpg

 

il fasciatoio ultima modifica: 2011-07-21T23:39:26+00:00 da admin-Salvatore

Parliamone, lascia un commento