PRÉNATAL RISCALDA L’INVERNO DI BAMBINI E MAMME

Quando ho saputo di essere in attesa del mio secondo bambino ho sperato tanto che fosse una femminuccia .

Tra i motivi più o meno validi c’era il fatto che dopo aver vestito il maschietto con graziose salopette, jeans e camice che riprendevano i gusti del papà, volevo divertirmi un po’ con la moda femminile per le bambine, quasi fosse una bambola.

E visto che proprio una femminuccia è arrivata, sto realizzando questo desiderio. La mia bambina oltre a vestire con capi di qualità, con tessuti adatti alla sua pelle delicata, è tutta un colore, uno svolazzo, un evidenziare la sua femminilità anche se ha soli 4 mesi con accessori da vera signorina.

Prénatal si dedica con successo anche alla moda bimbi, e vestire un neonato od un bambino è quasi un divertimento per le mamme. Per i bimbi così piccoli si fa particolare attenzione alla qualità del tessuto per evitare irritazioni ed abrasioni e con prénatal si possono avere sempre abiti di qualità al giusto prezzo.

La linea baby, fino a due anni, è tutta variopinta, allegra, morbida e comoda sia da tenere indosso che nelle operazioni di vestimento e svestimento.

Con la collezione neonato fino a 9 mesi non si può rinunciare a vestire i bambini con abiti che ne richiamino la dolcezza e con l’ironia di messaggi divertenti impressi su tutine e bavaglini . ‘Qui comando IO’ recita il bavaglino della mia bambina.

Ci sono diverse linee che seguono la loro idea di fondo ma che per fortuna sono facilmente abbinabili tra loro, grazie soprattutto alla scelta dei colori facilmente accostabili. La linea di quest’anno si ispira ai mari del nord con toni che richiamano i ghiacci, la neve e i boschi: blu, azzurro, bianco, marrone, verde per i maschietti; grigio melange, lilla, blu e bianco per le femminucce.

Per i più grandi, specialmente se si portano a cena fuori con noi, non si può resistere alla tentazione di vestirli da piccoli adulti: cardigan e camice classiche da abbinare a pantaloni a 5 tasche.

Ma essenziale, e lo dico anche con l’esperienza del primogenito che ormai ha 8 anni, è che il bambino stia a suo agio con gli abiti che indossa. Deve poter muoversi e giocare liberamente, se li deve sentire bene addosso e già da piccolissimi hanno richieste di look che non c’è nulla di male ad assecondare.

Parlando con alcune future mamme alla loro prima gravidanza e scherzando con loro ho sentito spesso la preoccupazione per il dover indossare gli abiti premaman e perdere il loro fascino. Le ho sempre rassicurate: la moda premaman è moderna, allegra od anche elegante, secondo le occasioni.

Ma se qualcuna ha ancora dei dubbi basta che si rechi in un negozio Prénatal a ritirare il catalogo Winter collection in distribuzione gratuita o visiti il sito Prénatal.it o sulla pagina facebook .

La moda per la gestante segue la moda tradizionale per quanto riguarda i colori ed i tessuti e da un po’ di anni ha scoperto che anzi può anche aggiungere qualcosa in più evidenziando e valorizzando il pancione piuttosto che nasconderlo.

La linea è completa con abiti per tutti i giorni, comodi soprattutto, cardigan felpa, pantaloni sportivi e tute jogging per non rinunciare alla propria attività sportiva, ma anche più casual per uscire per le proprie mansioni o classici per una serata elegante, abiti fashion e sexy con applicazioni di strass, paillettes e pietre. Per le feste di Natale non ci saranno problemi a vestirsi adeguatamente anche se avanti con la gravidanza.

La linea per la gestante può soddisfare veramente ogni stile. Essere mamma non deve significare cambiare il proprio modo di vestire, anche se abitualmente vestite i jeans: Prenatal propone i capi in denim sempre pratici ed facilmente abbinabili con i capi delle altre linee.

I colori della collezione 2011-2012 autunno-inverno sono tenui, pastello, ispirati ai colori della terra grigio mélange e indaco, beige, vaniglia, con qualche tocco di geranio, ametista e del più classico nero.

 

Articolo sponsorizzato

PRÉNATAL RISCALDA L’INVERNO DI BAMBINI E MAMME ultima modifica: 2011-10-19T17:05:07+00:00 da Fabiana

Parliamone, lascia un commento