A Natale anche le aziende possono essere più buone

Quando si diventa genitori, si è genitori di tutti i bambini, non solo dei propri. Scatta sia nelle mamme che nei papà un istinto di protezione verso tutti i bimbi, si diventa molto più sensibili alle loro sofferenze.

Per questo motivo ci capita, quando possiamo e senza che ci sia un motivo preciso, di fare donazioni alle organizzazioni che proteggono e istruiscono i bambini. Sono piccole donazioni, ma sappiamo che unite a quelle di molti altri rendono più facile la vita a molti bambini sfortunati.

Certo ci sembra però di fare sempre troppo poco e soprattutto siamo consapevoli che altre famiglie che fanno il loro piccolo sforzo non sono numerose.

AMREF quest’anno cercherà di coinvolgere nella raccolta dei fondi non più le singole famiglie, ma le aziende, sperando che poi ci sia un effetto trascinante anche tra coloro che ancora non hanno mai pensato a fare la loro donazione.

AMREF – African Medical and Research Foundation – nasce nel 1957 ed è la prima organizzazione sanitaria privata di identità africana, senza fini di lucro, nata in Africa e con base in Africa. Le comunità africane sono al centro dell’approccio di AMREF che lavora affinchè apprendano le conoscenze, le capacità e i mezzi per sviluppare e mantenere la propria salute e rompere il ciclo della malattia e della povertà.

Per poter svolgere adeguatamente il suo compito, ed il territorio africano è vasto e complesso, AMREF ha bisogno di molti fondi e questo Natale oltre alle solite iniziative propone, come dicevo, la prima campagna legata ai regali solidali per le aziende.

Invece di inviare la solita strenna composta da panettone e spumante, le aziende potranno inviare ai loro dipendenti un attestato della beneficienza fatta a favore di AMREF . Un videomessaggio con Giobbe Covatta, protagonista da sempre nella comunicazione solidale, una pergamena, delle palle di Natale con impresso il logo AMREF ed il logo dell’azienda, che ricorderà ad impiegati ed operai che il budget per i regali natalizi è andato ad un opera meritoria, come un progetto per l’acqua, per l’infanzia o per la salute.

Certo, volendo, la donazione può essere fatta anche in aggiunta alla classica strenna, un qualcosa in più da mettere nel cesto che regalano al dipendente, anche perchè le donazioni richieste non sono di grosso importo.

Oppure, se proprio si vuol regalare qualcosa di tangibile, si può scegliere il cesto che Amref propone in collaborazione con Libera Terra (marchio che contraddistingue le produzioni biologiche sulle terre liberate dalla mafie): pasta, vino, prodotti sottolio, di ottima qualità che faranno felice chiunque li riceva ma che portano con se un beneficio sia per la lotta alla mafia che per le comunità africane.

Se hai un’azienda o una piccola ditta pensaci per questo Natale, ma se sei un dipendente proponi al tuo datore di lavoro l’iniziativa Natale 2012 AMREF per le aziende.

Articolo sponsorizzato

A Natale anche le aziende possono essere più buone ultima modifica: 2012-10-29T23:45:34+00:00 da admin-Salvatore

Parliamone, lascia un commento