Bio-Oil

bio-oil

La gravidanza ci rende coraggiose ed orgogliose. Sentiamo che stiamo facendo qualcosa di importante, creeremo quasi dal nulla una nuova vita, e ci porta ad avere più consapevolezza del nostro corpo, e felici per la gioia di procreare le prime settimane ci sentiamo veramente più belle.

Dopo un po’ quando le forme iniziano a cambiare e vedendoci nello specchio stentiamo a riconoscere nel riflesso il corpo che per tanto tempo abbiamo curato possiamo essere prese un po’ dallo sconforto.

Ma nulla può seriamente turbare la meravigliosa sensazione della gravidanza, accettiamo che il nostro corpo, per compiere questo miracolo della vita, si deve adattare un po’ e preveniamo quanto possibile i segni che comunque si manifesterebbero anche per una semplice dieta sbaglaita.

Infatti i bruschi aumenti o diminuzioni di peso possono determinare l’inestetismo più odiato dalle donne: le smagliature.

Dal secondo trimestre di gravidanza ogni giorno, più volte al giorno, prendiamoci cura del corpo  e facciamo un bel massaggio con un olio specializzato nella cura della pelle, come Bio-oil.

Bio-Oil è un prodotto sul mercato da molti anni, certificato sicuro nell’uso anche per le donne in gravidanza, ed è composto da estratti di piante, basi oleose e fragranze profumanti. Quello che stupisce di Bio-oil è che non unge e con un delicato  e prolungato massaggio viene assorbito completamente, rivestendo la cute e formando una barriera protettiva e al tempo stesso rigenerando il tessuto.

Ma questo è un prodotto per tutte le donne e non è indicato solo per aiutare nelle smagliature post gravidanza, ma è utile anche per  far guarire al meglio le cicatrici, contrastare l’invecchiamento e l’inaridimento della pelle.

Molte testimonianze, potete trovarle su internet, riferiscono di risultati molto efficaci; il trucco è la costanza e l’assiduità nell’uso, ricordando che risultati ben visibili si ottengono dopo 2-3 mesi di trattamento regolare.

 

Articolo sponsorizzato

Bio-Oil ultima modifica: 2013-07-03T15:36:52+00:00 da Fabiana

Parliamone, lascia un commento