La scelta dello sport

sport e bambini

Partecipare regolarmente ad una attività sportiva è molto importante per i bambini e ragazzi .
A partire dai 6-7 anni un’attività regolare aiuta fisicamente e caratterialmente.

Ma quale attività sportiva scegliere è più complicato di quanto possa sembrare .

Chiedendo ad un qualsiasi genitore quale sarebbe lo sport perfetto per il loro bambino a bruciapelo tutti risponderebbero il nuoto, lo sport completo per antonomasia , che prepara adolescenti dal fisico scolpito.

Ma il nuoto è uno sport per bambini ? E’ completo, fa molto bene, ma non è quello che tutti i bambini sceglierebbero.

Perchè i bambini vogliono giocare, divertirsi ed il nuoto è fatica e costanza nell’allenamento.

Per questo motivo il nostro primogenito ha fatto 2 anni e mezzo di nuoto, su nostra scelta, fino a prendere posizione e non voler più andare. Non mi diverto è stata la motivazione .

Non puoi certo costringere un bambino a fare uno sport controvoglia, non è giusto e non è utile.

Perciò lo sport successivo lo ha scelto lui. Ed ha scelto il calcio. Non per emulazione dei campioni di serie A, che non segue, ma perchè al calcio andavano la maggior parte dei suoi compagni di scuola.

Questo è ciò che spinge la maggior parte dei bambini se si lascia loro la scelta, fare quello che fanno gli amici. Se non ci sono altri condizionamenti esterni (un fratello che già pratica una determinata attività sportiva ad esempio) i bambini seguiranno sempre i loro compagni di gioco.

Ma questo non è un problema. Quello che da genitori dobbiamo chiedere è che facciano movimento, stiano in gruppo, imparino il rispetto delle regole e degli avversari e si divertano. Quindi calcio, basket, volley o nuoto non importa. L’importante è che vadano volentieri e prendano comunque con responsabilità l’impegno, senza saltare allenamenti per pigrizia o per non lasciare il videogioco.

Sul finire della scorsa stagione comunque lui ha deciso di lasciare anche il calcio. Non mi diverto più. Il problema sono gli esercizi propedeutici e per imparare la tecnica. Gli interessava solo fare le partite e quelle le fa anche troppo ogni giorno nella via, senza andare al campo.

Quindi per quest’anno dovevamo trovare un nuovo sport e gli ho proposto il tennis, per il quale mi sembrerebbe anche più portato che per il calcio. Ha accettato con entusiasmo, farà tennis, solo che i corsi iniziano solo ad ottobre. Quindi intanto a settembre ha ricominciato con il calcio, dove ci sono i suoi amici, dove lo hanno accolto come se non fosse mai andato via. Ed il tennis ? ad ottobre si vedrà.

La piccolina invece ha solo due anni, per lei è presto, ma noi già ci pensiamo. E ci siamo detti, danza no! Ma sappiamo già che non saremo noi a scegliere.


La scelta dello sport ultima modifica: 2013-09-17T22:50:16+00:00 da admin-Salvatore

Parliamone, lascia un commento