Sostieni Lega del Filo d’Oro con una donazione regolare

Ogni mamma almeno una volta ha tirato un sospiro di sollievo .

Sicuramente è successo un attimo dopo il parto, quando ha visto per la prima volta il suo bambino, sano come gli avevano detto i medici, ma che non hanno mai fatto scomparire la paura che potesse succedere qualcosa  .

Le mamme tirano un sospiro di sollievo quando vedono il loro bimbo alzarsi in piedi per la prima volta, quando si gira al suono della loro voce, quando indica un giocattolo lontano .

Le mamme tirano un sospiro di sollievo ogni volta che si rendono conto che il loro bambino è in perfetta salute .

Perchè sanno che, sfortunatamente, può succedere che una mamma si renda conto che il bambino non vede, non sente, non cammina .

C’è molta empatia tra mamme sulla salute dei bambini. Sanno in che disperazione profonda può cadere una madre che vede gravi problemi di salute nel figlio .





Oltre alla sofferenza condivisa con il proprio bambino, la paura di non sapere cosa fare per aiutarlo, di restare sola con il problema, di non trovare una stuttura medica in grado di aiutarlo e che sia sostenibile per la famiglia .

Per fortuna tu mamma che leggi non hai questi problemi, ma se ricordi il sospiro di sollievo che hai tirato per la salute del tuo bambino, puoi aiutare una mamma meno fortunata di te.

La Lega del filo d’Oro aiuta i bambini e le mamme in queste situazioni . Leggi la lettera di Samuela che con parole molto toccanti spiega cosa hanno fatto per lei, oltre che far progredire in modo incredibile la qualità della vita di suo figlio .

Agostino può camminare

Agostino può camminare

Quello che ha trovato Samuela è un mondo di SI, contrapposto hai no che le avevano fatto credere prima di incontrare la Lega del filo d’Oro:

“NON può, Non riesce, non potrà fare” perché nel bambino nato sordociecho si vedono solo le mancanze e non le potenzialità.  La mamma lasciata sola penserà che il suo bambino non potrà vivere come gli altri .

Agostino, il figlio di Samuela, invece grazie agli aiuti ricevuti ha trovato una vita diversa:

L’ho capito quando un giorno hai fatto un gesto banale per tutti i bambini, ma non per te. Ti sei toccato il volto con il piccolo pugno per dire “mamma” nella tua nuova lingua, quella dei segni.

Non avevi mai giocato e oggi ti diverti a far scorrere tra le mani i fagioli e a giocare con la palla. Adesso, come tutti i bambini della tua età, stai andando alla scuola materna. È un nuovo mondo da scoprire e, anche questa volta, insieme ce la faremo.

Ora lo so, i “no” non esistono e sei tu che me l’hai insegnato. Continueremo a cercare insieme tutti i “sì” che potremo trovare nel tuo futuro e non saremo più soli, perché accanto a a noi ci saranno sempre la Lega del Filo d’Oro e tutte le persone che la sostengono.

Alla Lega del Filo d’Oro non si guarda a quello che il bambino non può fare, ma quello che Può fare, lavorando sui sensi residui e valorizzando le potenzialità.

Se vuoi aiutare le mamme a fare diventare SI i tanti NO che hanno sentito, pensa ad una adozione continuativa per sostenere la Lega del Filo d’oro .

Aderendo all’iniziativa Adotta un mondo di sì le persone possono scegliere di donare 10, 20 o 30 euro al mese per supportare le iniziative di Lega del Filo D’oro. Iniziative che sono splendidamente rappresentate dalla lettera che la mamma di Agostino, Samuela, ha scritto al proprio bambino.

La Lega del Filo d’oro non aiuta solo i bambini e le persone sordocieche e pluriminorate psicosensoriali a sfruttare al meglio le proprie potenzialità, ma supporta anche le famiglie, offrendo sostegno per consentire ai genitori di stare vicini ai propri bambini nel modo migliore.

Per questo nasce Adotta un mondo di SÌ, la campagna che incentiva le donazioni regolari che consentono alla Lega del Filo d’Oro di dire sì alle potenzialità di tanti bambini sordociechi. Nel nuovo sito adottaunmondodisì.legadelfilodoro.it è possibile trovare le loro storie e le testimonianze di chi ha già scelto di stare al loro fianco.

Sostieni Lega del Filo d’Oro con una donazione regolare ultima modifica: 2015-11-27T20:22:27+00:00 da Salvatore - admin

Parliamone, lascia un commento